notizie top forex

Rand si rafforza su euro, sponda da primo rialzo tassi dal 2016 della South African Reserve Bank

Inviato da Daniela La Cava il Mar, 27/11/2018 - 10:00

Sul fronte delle valute emergenti si sono messe in evidenza la rupia indiana e la lira turca, ma anche il rand sudafricano che si è rafforzato nei confronti dell'euro e del dollaro dopo la decisione della banca centrale del Paese che ha rivisto al rialzo i tassi. Sul mercato forex, il cambio euro/rand si muove in ribasso di circa lo 0,4% a quota 15,69, ben lontano dai massimi dell'anno toccati a inizio settembre (quota 17,9).


La settimana scorsa è entrata in azione la South African Reserve Bank (SARB) che ha alzato il costo del denaro, la prima sretta dal 2016. Nel dettaglio, l'istituto guidato dal governatore Lesetja Kganyago ha aumentato i tassi di 25 punti base, portandoli dal 6,5 al 6,75 per cento. Una decisione in linea con le attese del mercato. "Le prospettive di inflazione di breve termine sono migliorate", afferma Kganyago sottolineando, tuttavia, "i rischi di lungo termine per le prospettive di inflazione rimangono ancora elevati".
"Il quadro inflazionistico è meno preoccupante, dal momento che i prezzi hanno registrato un’accelerazione (5,1%) sotto le aspettative, mantenendosi comunque all’interno del canale target della SARB (3-6%)", segnalano gli strategist di Mps Capital Services, indicando che "le aspettative per il futuro puntano a una stabilizzazione, grazie anche ai bassi prezzi del greggio".


All'indomani dell'annuncio della South African Reserve Bank gli analisti di S&P Global Ratings hanno confermato il rating BB, con outlook stabile sul Sud Africa. "L'outlook stabile riflette la nostra view che il governo sudafricano porterà avanti - scrivono gli esperti dell'agenzia di rating Usa - una serie di riforme economiche, sociali e fiscali, sebbene in un periodo di tempo prolungato". Secondo le proiezioni si S&P, "dal 2019, la crescita economica riprenderà modestamente, contribuendo a contenere l'aumento del debito pubblico".


Guardando alle prospettive per il rand, gli esperti di Mps Capital Services si attendono che "la fase di apprezzamento vista finora potrebbe arrestarsi da ora ad inizio del 2019". nell’ultimo comunicato la SARB ha confermato l’intenzione di ancorare le aspettative d’inflazione al centro della banda obiettivo (cioè il 4%). Gli esperti sottolineano che l’economia sudafricana rimane comunque esposta a significativi fattori di rischio esterni (domanda globale, tensioni commerciali, prezzo del greggio) e deficit strutturali interni.

tags